La Ryuta Kebari

Buongiorno Tenkaristi!

Era da un pò di tempo che mi ronzava in testa l’idea di realizzare un video costruttivo sulla Ryuta Kebari (da qui in poi “R.K.” per comodità), la mosca creata da sua maestà, il Re dei bracchi Giapponesi, Ryuta Okano.  🙂

Scherzi a parte. Questa kebari dalla forma alquanto insolita ha riscosso e sta tuttora riscuotendo un enorme successo tra i pescatori Italiani. Perchè?                                             Beh, perchè è un dressing che per qualche ragione piace particolarmente alle trote.           Sia quelle italiane che quelle straniere (Io la uso con grande soddisfazione anche qui in Giappone).Non solo , la R.K. è talmente convincente da ispirare immediata fiducia nei pescatori che la usano. E si sa , la fiducia nel proprio artificiale è essenziale per una pescata di successo.
Con la R.K. ho preso di tutto durante tutto l’arco della stagione piscatoria.
Il periodo di maggiore efficacia , tuttavia , sembra situarsi tra la fine della primavera e l’inizio della stagione estiva. Questa kebari vuole imitare una grossa formica alata (Ryuta correggimi se ricordo male) e , guarda a caso , le formiche alate (e non) sono tra i cibi preferiti delle trote.

Il dressing ,a mio parere ,è un po troppo complesso per poterlo inserire nella categoria “Kebari tradizionali giapponesi” ma , in tutta franchezza, lasciare a casa una mosca così convincente è da sconsiderati ( o da pescatorelli).

Ma bando alle ciance , veniamo al sodo.
Se cliccate su “GUARDA IL VIDEO” qui sotto verrete rediretti direttamente al mio canale YouTube dove potrete visionare il video. Mi auguro che sia di vostro gradimento!

GUARDA IL VIDEO

 

Se il video vi è piaciuto mettete un like e lasciate un commento (anche qui sul blog).           Le critiche costruttive sono sempre apprezzate, sopratutto per principiante in materia di filmografia come me.

In omaggio per voi anche il disegno del dressing originale by Ryuta Okano.

IMG_7626

 

Andate e costruite! 🙂

Alla prossima!

Saluti

Akai

 

Annunci

Daiwa Rinfu 45″Midori”

Cari lettori ,

Qualche giorno fa mi è arrivata dall’Italia la Daiwa Rinfu 45 “Midori”.
Si tratta di una versione custom della mia personalissima Daiwa Rinfu 45 SR elaborata da un bravissimo (per usare un diminutivo)pescatore  e artigiano Italiano* e ribattezzata da me con il nome “Midori”.

Per comprendere la customizzazione bisogna fare una piccola premessa.
La Daiwa Rinfu 45 SR non è una canna specifica da Tenkara ma è una canna da Esa Tsuri (pesca con esca naturale Giapponese) che , per proprietà ed azione, si presta magnificamente bene al lancio di level line sottili.
Le canne da Esa tsuri vengono tipicamente usate a due mani e sono sprovviste  di manico. Quando si utilizzano tali canne per pescare a Tenkara ,con una mano sola, si ha spesso la sensazione di avere in mano strumenti un poco sbilanciati(sopratutto nelle misure lunghe) e non particolarmente comodi. Ecco quindi che l’aggiunta di una impugnatura che corregga la bilanciatura della canna e che permetta, allo stesso tempo, una presa comoda e rilassata, risulta particolarmente importante.

Ed ecco che la mia Daiwa Rinfu 45 SR  si è trasformata in una canna completamente nuova grazie al manico in EVA di 30 cm sagomato sulla base della forma e dimensione del mio palmo.
Anche il peso , logicamente , aumenta. Si passa dai 57 gr. dell’originale ai 98 gr della versione custom. L’aspetto paradossale è che , alla prova pratica,  la canna sembra più leggera nella versione custom (più pesante).
Magie del bilanciamento 🙂

A seguire alcune foto.

ORIGINALE :

 

VERSIONE CUSTOM “MIDORI”:

Questo slideshow richiede JavaScript.

SPECIFICHE :

Lunghezza da estesa : 4.5 mt
Lunghezza da chiusa : 58.1 cm
N. sezioni : 9
Peso : 98 gr
Diametro cimino : 0,6 mm
Diamentro sez. base : 18.5 mm
Caratteristiche principali : Precisa e pulita nel lancio – perfetta per il combattimento con pesci di taglia.

Ecco tutto. Spero che questa versione custom vi sia piaciuta.
Sarò più che felice di farvi provare la “Midori” quando ci incontreremo a pesca!

Saluti

AKAI

*Non ho scritto il nome di questa persona, che ringrazio ancora di cuore, per questioni di riservatezza.